Dopo aver perso la moglie, l’amore della sua vita per il cancro.

Rick Rigsby era pronto a rinunciare, semplicemente esistendo giorno per giorno.

Ma poi si ricordò delle lezioni che suo padre gli aveva insegnato anni prima.

Il dottor Rigsby ha ricordato queste lezioni mentre pronunciava un discorso di laurea potentemente commovente alla California State University Maritime Academy.

Rigsby ha parlato del suo defunto padre, che nonostante fosse un abbandono della terza elementare, era considerato la persona più intelligente che Rigsby conoscesse.

Il dottor Rigsby ci guida attraverso la conoscenza pratica che il suo defunto padre ha condiviso con lui, che lo ha guidato attraverso i momenti più difficili della sua vita.

Lezioni da un abbandono scolastico di terza elementare | Dr. Rick Rigsby

Trascrizione completa | Relatore: Dr. Rick Rigsby

La persona più saggia che abbia mai incontrato in vita mia, un abbandono della terza elementare.

Il più saggio e l’abbandono nella stessa frase è piuttosto stupido, come i gamberetti giganti.. come la corsa divertente, non c’è niente di divertente in questo.. come Microsoft funziona, non mi sentirete. Dicevo come la musica country, ma ho vissuto in Texas così a lungo che amo la musica country ora, vado a caccia, pesca, ho stivali da cowboy, sarai un redneck blackneck. Senti cosa ti sto dicendo? Non è più un ossimoro per me dire musica country. E non è un ossimoro per me dire terza elementare e abbandono scolastico.

Quel terzo grado di abbandono scolastico, la persona più saggia che abbia mai incontrato in vita mia, che mi ha insegnato a combinare conoscenza e saggezza per avere un impatto, era mio padre.

Un semplice cuoco. L’uomo più saggio che abbia mai incontrato in vita mia. Solo un semplice cuoco. Ha lasciato la scuola in terza elementare per dare una mano nella fattoria di famiglia, ma solo perché ha lasciato la scuola non significa che la sua istruzione si sia interrotta.

Mark Twain una volta ha detto: “ Non ho mai permesso che la mia scuola si intromettesse nella mia educazione.

Mio padre ha imparato a leggere da solo, ha imparato a scrivere da solo. Deciso nel bel mezzo di Jim Crowism, mentre l’America stava respirando l’ultimo respiro della guerra civile, mio ​​padre decise che sarebbe rimasto un uomo, non un uomo nero, non un uomo marrone, non un uomo bianco, uomo.

Ha letteralmente sfidato se stesso ad essere il meglio che poteva per tutti i giorni della sua vita.

Ho quattro lauree, mio ​​fratello è giudice. Non siamo i più intelligenti della nostra famiglia. È un papà che ha abbandonato la terza elementare, un papà che ha abbandonato la terza elementare che stava citando Michelangelo, dicendoci: “Ragazzi, non avrò problemi se miri in alto e manchi ma avrò un vero problema se miri basso e colpisci. “

Una madre di campagna che cita Henry Ford, dicendo: “Se pensi di poterlo fare o se pensi di non poterlo fare, hai ragione”. L’ho imparato da un abbandono della terza elementare, lezioni semplici. Lezioni come queste. “Figliolo, preferiresti arrivare un’ora prima che un minuto in ritardo.” Non abbiamo mai saputo che ora fosse a casa mia perché gli orologi erano sempre avanti. Mia madre ha detto che per quasi 30 anni mio padre è uscito di casa alle 3:45 del mattino. Un giorno gli chiese: “Perché, papà?”

Ha detto: “Forse uno dei miei ragazzi mi coglierà in flagrante per eccellenza”.

Voglio condividere con te due cose, diceva Aristotele, tu sei quello che fai ripetutamente quindi l’eccellenza dovrebbe essere un’abitudine non un atto. Non dimenticarlo mai.

So che sei un duro ma ricordati sempre di essere gentile. Sempre. Non dimenticarlo mai. Non mettere mai in imbarazzo la mamma. Sì, se la mamma non è felice, nessuno è felice. Se papà non è felice, non importa a nessuno ma lo sai..

Prossima lezione, lezione da un cuoco laggiù in cambusa. Figlio, assicurati che l’asciugamano del tuo servitore sia più grande del tuo ego.

L’ego è l’anestesia che attutisce il dolore della stupidità. Potresti avere in mente un parente a cui vuoi inviarlo.

Lasciatemelo dire di nuovo. L’ego è l’anestesia che attutisce il dolore della stupidità. L’orgoglio è il fardello di una persona sciocca.

La saggezza di un abbandono di terzo grado Lezioni da un abbandono di terzo grado: come la saggezza senza tempo di un uomo può influire su un'intera generazione.  Cambierà la tua vita |  Rick Rigsby Discorso inizio virale goalcast Ego è l'anestesia che attutisce il dolore della stupidità.  L'orgoglio è il fardello di una persona sciocca.

John Wooden ha allenato il basket all’UCLA per guadagnarsi da vivere, ma la sua vocazione era quella di avere un impatto sulle persone. E con tutti quei campionati nazionali, indovina cosa si è trovato a fare a metà settimana? Entrando nell’armadio, afferrando una scopa e strofinando il pavimento della sua palestra.

Vuoi avere un impatto? Trova la tua scopa.

Ogni giorno della tua vita, trovi la tua scopa. In questo modo accresci la tua influenza. In questo modo attiri le persone in modo da poterle influenzare.

Lezione finale. “Figliolo, farai un lavoro, fallo bene.” Mi è sempre stato detto quanto posso essere mediocre. Sono sempre stato criticato per essere nella media, ma voglio dirti una cosa. Sono qui davanti a te, davanti a tutte queste persone che non ascoltano quelle parole ma mi dicono ogni singolo giorno di puntare alle stelle, di essere il meglio che posso essere. Abbastanza buono non è abbastanza buono se può essere migliore. E il meglio non è abbastanza buono se può essere il migliore.

Vorrei concludere con una storia molto personale che penso metterà a fuoco tutto questo.

La saggezza verrà da te nella più improbabile delle fonti. Molte volte a causa del fallimento. Quando tocchi il fondo ricorda questo, mentre stai lottando, il fondo può anche essere un’ottima base su cui costruire e su cui crescere. Non sono preoccupato che tu abbia successo. Sono preoccupato che di tanto in tanto non fallirai.

Lezioni da un abbandono di terza elementare: come la saggezza senza tempo di un uomo può avere un impatto su un'intera generazione.  Cambierà la tua vita |  Rick Rigsby Discorso inizio virale goalcast Aristotele siamo ciò che facciamo ripetutamente L'eccellenza quindi è un atto non un'abitudine Saggezza di un abbandono di terzo grado

Una persona che si alza dalla tela e continua a crescere, questa è la persona che continuerà a far crescere la propria influenza.

Negli anni ’70, per aiutarmi a chiarire questo punto, lascia che ti presenti qualcuno. Ho incontrato la donna più bella che avessi mai incontrato in vita mia. Ai miei tempi l’avremmo chiamata una casa di mattoni. Questa donna era la donna più bella che avessi mai visto in vita mia. C’è solo un piccolo problema. A quei tempi alle donne non piacevano i grossi vecchietti. Il lato oscuro non era ancora uscito.. A loro piacevano quarterback e running back.

Siamo a questo ballo e scopro che il suo nome è Trina Williams di Lompoc, California.

Stavamo ballando tutti e siamo solo eccitati e nel bel mezzo del ballo con lei ho deciso che le avrei chiesto il suo numero di telefono. Lei, Trina è stata la prima, Trina è stata l’unica donna al college che mi ha dato il suo vero numero di telefono. Il giorno successivo siamo andati alla gelateria Baskin e Robbins. I miei amici non potevano crederci. Sono passati 40 anni e i miei amici ancora non riescono a crederci. Andiamo su un secondo appuntamento e un terzo appuntamento e un quarto appuntamento. Andiamo da Chico a Vallejo in modo che possa incontrare i miei genitori. Mio padre la incontra. Mio padre, il mio eroe, la incontra, mi tira di lato e dice: “È psicopatica?” Ma in ogni caso..

Stiamo insieme per un anno, due anni, tre anni, quattro anni ormai Trina è una senior al college. Sono ancora una matricola ma sto risolvendo alcune cose. Sono così felice di essermi laureato in quattro trimestri. Nixon, Ford, Carter, Reagan.

Quindi ora è il momento di proporre. Quindi ho parlato con le sue amiche ed è la California, sono gli anni ’70. Deve essere fuori, deve avere una candela e devi avere, un po ‘di cioccolato. Ascolta, vengo dal quartiere. Avevo una bottiglia di vino Boone’s Farm. Questo è quello che ho avuto.

Lei ha detto sì!

Lei ha detto sì! Quella era la chiave. Ho sposato la donna più bella che avessi mai visto in vita mia, sarai mai stato a un matrimonio e anche prima dell’inizio del matrimonio senti questo.. “Come diavolo?” E veniva dalla mia parte della famiglia!

Ci sposiamo, abbiamo pochi figli. Le nostre vite sono fantastiche.

Un giorno Trina trova un nodulo al seno sinistro. Tumore al seno.

Sei anni dopo quella diagnosi, io ei miei due bambini siamo andati alla bara della mamma e per due anni il mio cuore non ha battuto.

Se non fosse per la mia fede in Dio, non sarei qui oggi. Se non fosse stato per quei due ragazzini, non c’era motivo per andare avanti. Ero completamente perso. Quello era il fondo.

Sai cosa mi ha sostenuto? La saggezza di un abbandono della terza elementare. La saggezza di un semplice cuoco.

Siamo alla bara. Non avevo mai visto mio padre piangere, ma questa volta ho visto mio padre piangere.

Quella era sua figlia. Trina era sua figlia, non sua nuora. E sono proprio dietro a mio padre che sta per vederla per l’ultima volta su questa Terra e mio padre ha condiviso con me tre parole che hanno cambiato la mia vita proprio lì alla bara.

Sarebbe stata l’ultima lezione che mi avrebbe mai insegnato.

Ha detto “Figlio,

Stai in piedi e basta. Continui a stare in piedi. Continui a stare in piedi. Non importa quanto sia agitato il mare, rimani in piedi.

E non sto parlando solo di acqua. “Continua a stare in piedi. Non importa cosa, non ti arrendi. “

Per quanto chiaramente ti parlo oggi, queste sono state alcune delle sue ultime parole per me. Mi ha guardato negli occhi e ha detto: “ Non mi importa più quanto tempo vivo. Ciò che conta di più per me è come vivo.

Faccio a tutti voi una domanda, una domanda che mi è stata posta per tutta la vita da un abbandono della terza elementare. “Come vivi?” Ogni giorno poniti questa domanda. Come vivi?

Ecco cosa ti consiglierebbe un cuoco di vivere in questo modo..

Che non giudicheresti, che ti presenteresti presto, che saresti gentile, che ti assicureresti che l’asciugamano di quel servitore sia enorme e usato, che se hai intenzione di fare qualcosa, lo fai nel modo giusto modo.

Quel cuoco ti direbbe questo, che non è mai sbagliato fare la cosa giusta, che come fai qualcosa è come fai tutto.

E in questo modo aumenterai la tua influenza per avere un impatto.

In questo modo onorerai tutti coloro che ti hanno preceduto, che hanno investito in te.

Cerca saggezza in quei posti più improbabili. Migliora la tua vita ogni giorno cercando quella saggezza e chiedendoti ogni notte.. “Come sto vivendo?”