Sei tu mediocri? A nessuno piace sentirsi bloccato nella mediocrità. Nessuno vuole ammettere di essere mediocri.

Eppure, molti pensano che lo siamo. Quindi ci sforziamo di  più. Lavora di più.

Le persone si sentono mediocri perché dimenticano (o non hanno mai capito) perché sono qui, e invece di seguire il loro scopo, stanno seguendo la sicurezza, o peggio semplicemente esistendo.

Prendiamo l’esempio di un imprenditore che ha paura di espandersi e invece si attacca allo stesso modello di business, limitante e mediocre. La sua nuova idea potrebbe catapultarlo in un mega successo, ma la paura del fallimento ha bloccato i suoi progressi, provocando una morte molto più lenta e dolorosa. O una dipendente di talento che è soffocata nel suo ambiente di lavoro, ma rimane con esso, perché non crede di poter fare di meglio.

Sei una di queste persone? Ti stai accontentando di meno del tuo potenziale perché hai paura?

Da cosa ti stai proteggendo? Dolore? Fallimento? Ok. Giusto. Ma che dire del piacere?

Come sarebbe la tua vita se ti concentrassi sui tuoi punti di forza, chiarissi le tue motivazioni, lasciassi andare la dissonanza cognitiva e seguissi la tua felicità?

Bliss sta seguendo l’entusiasmo – per la vita, il lavoro, le relazioni… lo chiami.

La sicurezza è evitare il dolore. Il primo ci spinge ad autorealizzarci, in modo completo e autentico; il secondo, beh, ci mantiene mediocri.

Ricordi quelle volte in cui, apparentemente dal nulla, è apparsa un’opportunità per trasformarti e hai sperimentato la paura?

Quello era il tuo sé superiore che ti chiamava a portare la tua vita ad un altro livello. Per non “accontentarsi” della mediocrità. Perché sai, puoi FARE DI PIÙ ed ESSERE DI PIÙ.


Non accontentarti per un minuto in più. Dai un’occhiata a questi sei passaggi per uccidere la mediocrità;

 1. Chiarisci il tuo scopo

Perché sei qui? Cosa ti fa alzare dal letto la mattina? Sei eccitato? Come esprimi il tuo fuoco interiore attraverso le tue azioni quotidiane? Una chiarezza di intenti ispira dentro di noi il coraggio di seguire la nostra beatitudine e superare le paure.

2. Fai l’inventario

Scrivi un elenco delle cose che fai regolarmente, sia personali che professionali, compresi i progetti su cui stai lavorando. Quali sono le tue motivazioni per queste attività? Essere onesti.

3. Regola del 75%

Ora, prova l’inventario contro l’idea che… per evitare la mediocrità, dovresti dare almeno il 75% di te stesso a tutto ciò che fai con il 100% come obiettivo, ovviamente. Se stai dando qualcosa sulla tua lista meno del 75% di te stesso, perché ti stai accontentando? Potresti fare di meglio? Perché o perché no? Sii sincero. Se la tua risposta è un sacco di perché no, torna al punto 1 o controlla il punto 4.

4. Dissolvi la dissonanza cognitiva

Siamo creature di conforto e, a un certo punto della nostra vita, abbiamo costruito una visione del mondo e degli obiettivi personali che ci avrebbero fornito questo comfort, questo piacere. Ad esempio, sei cresciuto povero, quindi fare soldi era importante per te. Avanti veloce di 20 anni e hai guadagnato un po ‘di soldi, ma manca ancora qualcosa… questo perché quella convinzione ora è una trappola. Dopo tutti questi anni, quella convinzione è diventata parte della tua identità e poiché è sempre stata importante, deve ancora esserlo. È così. Ma cosa succede se non lo è più? E se si fosse trasformato in qualcos’altro? E se non lo fosse mai stato, ma fosse solo una funzione della sopravvivenza e non il tuo vero desiderio? Scava più a fondo per trovare risposte e sii consapevole, il cervello può giocarci brutti scherzi. Qualcosa può sembrare così vero, ma non lo è. Non farti ingannare; ti deruberà della grandezza.

5. Shuffle

Dopo aver completato questi quattro passaggi, quale azione concreta puoi intraprendere per cambiare la tua vita in un modo che porterebbe a maggiori opportunità di dare il 100% e meno situazioni in cui sei intrappolato, per colpa, abitudine o paura e stai dando meno di quanto potresti? Significa lasciare un lavoro, cercare una nuova opportunità, avviare la tua attività, scrivere quel libro o cogliere una nuova avventura? Qualunque cosa sia, questa è la tua opportunità per intensificare e trasformare la tua vita in modo tangibile.

6. Responsabilità

Nessuno di noi è perfetto e dare il 100% su base regolare, o anche rendersi conto che non lo siamo, e quindi cadere nella mediocrità, può essere difficile da vedere e da rimediare da solo. Pertanto, ti incoraggio vivamente a identificare meccanismi di responsabilità che ti aiutino a spingerti a funzionare al 100%. Questi potrebbero essere raggiunti attraverso l’auto-riflessione, relazioni di tutoraggio, sviluppo personale e professionale, un partner e certamente un life coach. Sia che tu scelga uno o tutti questi, ricorda che il percorso verso la grandezza è solo, veramente, possibile con gli altri al tuo fianco.

Fare ciò che ci spaventa è ciò che ci rende grandi. Ci costringe a salire di livello.

La domanda rimane: ti accontenterai della mediocrità o perseguirai la grandezza?