La mentalità della vittoria, di Tom Bilyeu

È solo questione di tempo prima che vinca – La mentalità della vittoria – Discorso motivazionale di Tom Bilyeu – GUARDA SU YOUTUBE:

Scarica o riproduci in streaming l’album ora, sulla tua piattaforma musicale preferita:
i Tunes, Spotify, Apple MusicGooglePlay, AmazonMP3 o MP3 Scarica ovunque nel mondo

Altoparlante: Tom Bilyeu

Trascrizione: Finché non vinco è solo una questione di tempo – La mentalità della vittoria – Tom Bilyeu

Come dice Rebecca Rusch,

“Vincere brutto è ancora vincere.”

L’apprendimento è un processo goffo e imbarazzante e se stai cercando di sembrare figo, mentre cerchi di costruire le tue abilità, non ce la farai mai. Tutta quella postura ti tratterrà.

Le persone che arrivano davvero da qualche parte, le persone che sono in grado di costruire cose straordinarie, sono quelle che non hanno paura di fallire.

Sono quelli che non hanno paura di fallire pubblicamente. Non si preoccupano mai di quello che pensano gli altri. In effetti, forse sono preoccupati per quello che pensano gli altri. Anzi, te lo garantisco. Mi preoccupo di quello che pensano gli altri, so che ti preoccupi di quello che pensano gli altri, ma ecco la verità.

Le persone che continuano a vincere, le persone che cambiano e diventano capaci dello straordinario, sono quelle che non si preoccupavano se gli altri pensavano, a breve termine, di sembrare stupidi.

Sembrerai stupido. Ti metterai in imbarazzo. Accettalo come una realtà. Ma se riesci a combatterlo, se puoi lasciare che, anche se lo senti, se puoi rifiutarti di lasciare che controlli le tue azioni, allora continuerai a percorrere quel sentiero per acquisire avrà l’ultima risata.

Quello che ricordo sempre a me stesso è di non giudicarmi mai attraverso la lente di un momento. Quindi se sono caduto di faccia, sono coperto di sangue e fango e tutta la folla ride di me, quello che so è su una linea temporale abbastanza lunga, vincerò.

Su una linea temporale lunga, l’ultima risata sarà la mia perché ciò su cui mi concentro è il cambiamento. Quello su cui mi concentro è l’adattamento, quello su cui mi concentro è la crescita.

Sono concentrato sull’acquisizione di nuove competenze, sul miglioramento effettivo in qualcosa e il flusso di dati più ricco di informazioni che puoi incontrare è il fallimento.


È quell’imbarazzo, è quel pungiglione, è quel dolore di essere qualcosa che è inferiore a quello che sai di poter essere. Ma quando sai che questo è il processo, è così prevedibile, sai che lo attraverserai, sai che proverai qualcosa, sarai goffo, sarai imbarazzante, tu ‘ cadrai, ti metterai in imbarazzo, sarà difficile, dovrai imparare e riprovare e ogni volta sarà questo processo inciampante, maldestro, borbottante finché non sarai in grado di farlo acquisisci le abilità e apporta letteralmente i cambiamenti nel tuo cervello alla tua fisiologia che devi fare per essere in grado di fare quella cosa.

Ma se non sei preoccupato per come appari e sai solo che la prevedibilità di questo percorso è troppo ovvio per inciampare all’inizio, sapendo che l’inizio farà schifo.

Sapendo che l’inizio ti farà sentire male con te stesso e lascia che la chiarezza, la prevedibilità di ciò, ti accompagnino alla parte della fase in cui ti senti potente perché puoi fare qualcosa di cui non eri capace prima.

Lascia che questo affondi, come umani possiamo letteralmente insegnare a noi stessi a fare qualcosa di cui prima non eravamo capaci. Riconoscere che le abilità hanno utilità e che vale la pena affrontare quel dolore, quell’imbarazzo, il giudizio, il sentirsi stupidi e cattivi con te stesso.

Vale la pena farlo per diventare così bravi, non possono ignorarti. Quindi fallo bene.