Come rompere qualsiasi cattiva abitudine – Comprendere e superare

Se presti attenzione a tutto ciò che fai durante il giorno, sono sicuro che troverai una cattiva abitudine. Nella vita degli esseri umani, le abitudini buone e cattive giocano un ruolo primario. Viviamo la nostra giornata rispecchiando le azioni di ieri; non facendo molte nuove scelte. Le persone in tutto il mondo possono avere abitudini diverse, ma una cosa che hanno in comune è che vivono tutte in modo ripetitivo.

Alcuni anni fa mi sono trovato ingannato in alcune cattive abitudini. Quando la realizzazione mi ha colpito per la prima volta, le mie abitudini avevano già raggiunto il livello di automaticità. L’automaticità si riferisce al punto in cui, dopo molte ripetizioni, l’abitudine viene eseguita in modo inconscio; quando non devi più pensare alla routine prima di iniziare l’atto di farlo. Volendo rompere le cattive abitudini che avevo raccolto, è iniziata la mia ricerca sulla scienza delle abitudini.

Cos’è un’abitudine?

Per capire come si forma un’abitudine bisogna sapere cos’è l’abitudine?

È una tendenza, a fare qualcosa, che ti visita spesso. Una routine che segui regolarmente, che nel bene o nel male può essere difficile da cambiare.

L’arte di rompere una cattiva abitudine

Ogni giorno innumerevoli persone aspirano a rompere una particolare abitudine. La ragione dietro questa aspirazione potrebbe essere qualsiasi cosa, dal voler migliorare la tua salute, guardare un amico smettere o dopo un momento di motivazione guardando l’ultimo video di Fearless Motivation. A meno che tu non sia arrivato su questa pagina attraverso la magia, penso che sia lecito ritenere che tu abbia già un’abitudine in mente che vorresti rompere. Indipendentemente dalla fonte, è fondamentale trovare la motivazione se vuoi spezzare un ciclo di abitudini.

Idee sbagliate

Una volta ho sentito un mio amico dire qualcosa su una teoria dei 21 giorni che implica che se una persona riesce a stare lontana da un’abitudine per 21 giorni quella persona non è probabile che torni di nuovo allo schema. Questa teoria è stata introdotta negli anni ’50 da Maxwell Maltz. Questa teoria è stata proposta in modo aneddotico e, sebbene popolare, non c’era alcuna scienza a sostenerla.

Lo sforzo che si deve fare nel processo di sostituzione è direttamente correlato a quanto vicino alla linea di automaticità è la tua abitudine. Questo vale anche per le nuove abitudini, quando si tratta di iniziare una nuova abitudine nei primi giorni si deve investire più forza di volontà per eseguire la routine. Successivamente diventa più facile mantenere la routine man mano che si avvicina alla linea dell’automaticità.

Forza di volontà: rompere qualsiasi cattiva abitudine

Il nostro cervello cerca di conservare la forza di volontà soprattutto quando l’indicatore della forza di volontà si abbassa. Quindi, dopo una giornata faticosa, è molto più probabile che tu ceda a una cattiva abitudine o ne rimandi una buona.

Comprendendo il concetto di forza di volontà, puoi usare questa conoscenza per rendere le cose che seguono le tue abitudini più facili per te, o per uscire da un’abitudine per quella materia.

Pensa alla forza di volontà come a una batteria. Quando ti svegli, la batteria è completamente carica, mentre il giorno avanza usi la tua forza di volontà lavorando e prendendo decisioni. In genere, entro la fine della giornata la batteria si scarica proprio come quella del tuo smartphone quando lo usi costantemente. Tuttavia, se impari a ricaricarti lungo la strada, ti salverai da bassi livelli di forza di volontà. Quindi, diventerà più facile mantenere o abbandonare un’abitudine.

Le pratiche di rilassamento possono ricaricare la forza di volontà. Quindi, invece di lavorare costantemente, fai delle pause più piccole e più frequenti. Gli studi hanno dimostrato che fare le pause necessarie ti aiuta non solo a diventare più produttivo rispetto al lavoro continuo, ma migliora la forza di volontà. Trova quello che funziona per la tua meditazione, esercizi di respirazione (alla Tony Robbins ) o forse hai bisogno di cambiare le persone con cui vivi o lavori?

Capire il ciclo delle abitudini

Il ciclo delle abitudini è un processo di ripetizione in tre fasi che trasforma un’abitudine in una dipendenza; dove diventa molto difficile da rompere. Per sapere come rompere il ciclo dell’abitudine dovresti sapere come si forma.

Di seguito sono riportati i tre passaggi che rendono il ciclo delle abitudini:

  •    Cue: anche una mente normale non lascia andare facilmente le informazioni raccolte. In effetti, è impossibile cancellare completamente un’abitudine. Tuttavia, puoi sostituire un’abitudine trovando una routine altrettanto gratificante. Quindi, per abbandonare una cattiva abitudine, devi svilupparne una buona con cui puoi sostituirla.
  •    Routine: è l’abitudine stessa. Il modello per il quale stai cercando un sostituto.
  •    Ricompensa: perché esegui la routine? Qual è la ricompensa che ricevi?

Quando la mente vede il segnale, prende riferimento dall’ultima occorrenza e ricorda la ricompensa ricevuta. Quindi ti convince a ricominciare la routine. Mentre il tuo cervello sta facendo la richiesta, è probabile che tu ceda prima inconsciamente e poi consciamente poiché è il percorso di minor resistenza. Per fissare le tue cattive abitudini, devi essere consapevole dei fattori scatenanti e dei premi prima che si verifichino. Quindi sei mentalmente preparato per il tuo cervello che cerca di costringere il tuo comportamento. Devi superare in astuzia te stesso!

Consapevolezza

Il segnale potrebbe arrivare in modi diversi (tempo, luogo, persona o evento, ecc.) La prossima volta che la tua mente riceve un segnale per eseguire la routine, annotalo o prendi nota mentalmente del trigger. Devi esserne consapevole per iniziare il processo cosciente di cambiamento.

Se per rompere un’abitudine fosse sufficiente avere un’intenzione chiara, non ci sarebbero così tante persone che cercano di abbandonare le loro dipendenze ogni settimana della loro vita. lo farebbero semplicemente.. Insieme a un’intenzione pulita, è necessaria anche una strategia definita.

Quando ho programmato di smettere di fumare, ho prima cercato attentamente i miei segnali; qualcuno lo chiama, la noia e ogni volta che ho mangiato qualcosa. Una volta che mi sono reso conto dello schema, non importa quante volte il grilletto si è presentato, non mi ha mai colto di sorpresa perché ero sempre consapevole che si sarebbe verificato.

Le 3 montagne: rompi ogni cattiva abitudine

A volte la ricompensa è diretta, mentre altre volte si annida all’interno del modello. Per me la principale ricompensa del fumo era socializzare. Non sono mai stato un fan del fumo da solo, infatti quando non ho incontrato nessuno non avevo nessuna voglia di fumare. Quindi, ho cambiato i tempi in cui socializzavo al lavoro e ho cambiato le persone con cui socializzavo al di fuori del lavoro. Non è stato facile, ma un cambiamento positivo richiede sacrificio.

I primi 3 giorni mi riferisco alle 3 montagne. devi avere la resistenza mentale per scalarli tutti, entro il 4 ° giorno raggiungerai la vetta ed è tutto in discesa da lì! Ma ricorda che stai ancora camminando, quindi c’è un certo grado di difficoltà e devi rimanere concentrato per evitare di cadere, ma diventerà più facile man mano che viaggi.

Come rompere qualsiasi cattiva abitudine - Comprendere e superare “I primi 3 giorni sono conosciuti come le 3 montagne.  devi avere la resistenza mentale per scalare ognuno

Nessuno può farti smettere nulla se non sei disposto a farlo da solo, ma hai deciso che questa volta ti sarai “ pulito ” per sempre, quindi sono sicuro che questi suggerimenti saranno fantastici aiuto per te. In bocca al lupo.