5 miti sull’avvio di un’attività in proprio che non dovrebbero fermarti

L’imprenditorialità è in aumento nei tempi attuali. Con la potenza di Internet e dei social media, avviare un’attività in proprio non è mai stato così facile.

Ma niente di buono nella vita è facile. E avviare un’attività in proprio non è un’eccezione. È necessario apprendere ciò che i clienti richiedono, creare un prodotto o servizio eccezionale e trovare modi per ridurre al minimo costi e rischi.

Sfortunatamente, molte persone non fanno nemmeno il primo passo per paura di fallire. Credono ai miti che sono stati raccontati da amici o persone inesperte che non potevano farlo da soli.

Ecco i cinque miti sull’avvio di un’attività in proprio che non dovrebbero fermarti.

1. Hai bisogno di molti soldi

Avviare un’attività in proprio richiede impegno e forza di volontà, non denaro. Piccole somme di denaro possono portare piccoli profitti, che poi possono essere reinvestiti per ridimensionare l’attività. Molte delle aziende di successo nel mondo, tra cui Dell, Facebook, Apple, Microsoft, eBay e SAP, hanno iniziato come impresa avviata.


2. Ci vorrà molto tempo per iniziare

Un imprenditore seriale, Bob Adams ha avviato più attività in poche settimane. La sua attività di mappe di Cape Cod ha impiegato cinque settimane per generare profitti. Ha avviato altre attività come il noleggio di biciclette, l’intermediazione e il commercio di barche e la pittura di case.

Avviare un’attività in proprio sembra difficile perché guardi il grande elefante e ti spaventi. Se mangi l’elefante un morso alla volta e ti concentri sull’azione, presto l’incertezza si trasformerà in certezza e rimarrai sbalordito nello scoprire che non è stato così difficile.

3. Devi lasciare il tuo lavoro

Non hai bisogno di lasciare il tuo lavoro. In effetti, è consigliabile che inizi in piccolo mantenendo il tuo lavoro quotidiano. Un lavoro di un giorno ti darà la pace mentale per lavorare sulla tua attività con una mente libera. Se hai lavoro, è meglio assumere persone su base oraria per mantenere il flusso di lavoro regolare.

È importante che inizi lentamente e lentamente. In questo modo, avrai abbastanza spazio per commettere errori e imparare come funziona davvero un’azienda. Senza il tuo lavoro non sarai in grado di correre rischi. Con un lavoro, sarai maggiormente in grado di testare un’idea, analizzare i risultati, rinnovare il prodotto, testarlo e continuare a migliorare il tuo prodotto in questo modo finché non lo ottieni correttamente.

Come dice Mark Cuban, “Devi avere ragione solo una volta”.

4. Devi lavorare 24 ore su 24, 7 giorni su 7

È vero che devi impegnarti molto. Ma un grande sforzo consiste nel lavorare costantemente ogni giorno, non si tratta di bruciarti così tanto da non sentirti sano o attivo durante il lavoro.

Non puoi versare da una tazza vuota, quindi è importante che ti prenda il tempo per ricaricarti e ringiovanirti. Mangiare sano, dormire a sufficienza, fare esercizio fisico ogni giorno, fare pause regolari e prendersi un giorno libero ogni fine settimana fanno tutti parte dell’affare.

5. Hai bisogno di esperienza

Elon Musk, il fondatore di SpaceX, Tesla e SolarCity, afferma che ” anche se sei il migliore del meglio, c’è sempre una possibilità di fallimento”.

Avviare un’attività in proprio in un campo inesplorato ti riempie di eccitazione e curiosità. Tutti commettono errori e imparano lungo la strada. Puoi imparare qualsiasi attività commerciale scomponendola in pezzi digeribili.

Come dice Tony Robbins, “il successo è 80% psicologia e 20% strategia”. Ciò che conta è che ti impegni, suddividi problemi terribili in compiti fattibili e continui a perseverare fino alla fine.

Avviare un’attività in proprio non riguarda le risorse, ma lo sforzo, la forza di volontà e la capacità di apprendere e adattarsi.